Mangiare bene la pizza … in giro per l’Italia

È difficile mangiare una pizza non buona a Napoli, ma se ne vuoi una davvero magnifica, la migliore del mondo, secondo molti, è da Di Matteo. Pizzeria aperta dal 1936, offre servizio al tavolo e pizzeria da asporto, da non perdere la pizza fritta, con ricotta e provolone.

Andiamo ora a Trento, dove c’è da Albert. Anche se realizzata con metodi tradizionali napolitani, le pizze di Albert sono tutt’altro che tipiche. Create da Alberto Pagliani, il miglior pizzaiolo emergente in Italia secondo il Gambero Rosso, ogni pizza è ricca di condimenti, dalla Lucia (salame piccante, cipolle viola, peperoni e tre tipi di formaggio) all’Estate (tonno, olive, capperi, basilico fresco, mozzarella). Pizzeria da Albert non accetta prenotazioni e c’è sempre la fila, ma ne vale la pena.

A Roma c’è quella che si chiama “Panattoni”, anche se il nome non ufficiale è Ai Marmi, in virtù del bancone di marmo che la caratterizza. Ha posti a sedere in stile caffetteria, è perennemente piena di clienti e sempre a corto di personale, ma la pizza è così buona che, anche in questo caso, ne vale la pena. Qui si serve la classica pizza in stile romano, con crosta sottile e croccante. Da non perdere sono la pizza margherita e quella con la salsiccia e fiori di zucca.

A Cesena è molto buona la pizza di Lucullo, molto buona e, a detta di tanti, particolarmente leggera e digeribile. Impasto buono, da vera pizza napoletana. La cosa bella è che questa pizza si può gustare anche a casa grazie ai servizi di pizza a domicilio a Cesena.

In provincia di Fermo, a Ortezzano, c’è Mamma Rosa, nominata come la migliore pizzeria marchigiana dalla bibbia gastronomica italiana “Gambero Rosso”, e non c’è da meravigliarsi: le pizze in stile napolitano hanno la crosta ultra-croccante e sottile, la pasta perfettamente elastica condita con ingredienti freschi locali. Tutte le pizze del Mamma Rosa sono divine, ma le specialità sono il Sorriso (una tradizionale Margherita con l’aggiunta di peperoncini rossi e acciughe) e la Lucifero (condita con salame piccante e peperoncino). Bonus aggiuntivo: c’è la pizza con la Nutella per dessert.